Le valutazioni dello stato fisico in una visita nutrizionale

Oltre ad un approfondito colloquio, la visita nutrizionale prevede anche una parte di valutazione del vostro stato fisico. In particolare oltre a peso e altezza, che mi permetteranno di calcolare il vostro indice di massa corporea (BMI), vi sarà poi una valutazione antropometrica in cui prenderò le misure delle circonferenze e delle pliche.

  • ANTROPOMETRIA (pliche, circonferenze)

L’antropometria consiste letteralmente nel misurare il corpo umano in alcune sue caratteristiche fisiche.

In particolare si misurano il peso e l’altezza, e alcune circonferenze ”standard” che permettono di dedurre poi informazioni rilevanti circa lo stato di salute dell’individuo.

Tra le misure delle circonferenze in particolare ci sono quella della circonferenza addominale, che può rilevare un accumulo adiposo centrale e che, in rapporto alla circonferenza dei fianchi, può essere indice di possibile rischio al danno cardio vascolare.

La misura delle circonferenze in un percorso nutrizionale, correlata alla misura del peso, può dare importanti indicazioni circa la perdita di tessuto specifico e la composizione corporea.

Insieme alle circonferenze sono importanti il calcolo del BMI, indice di massa corporea, che può indicare se l’individuo si trova in una zona di normopeso, sovrappeso o obesità. Importanti anche le misure delle pliche cutanee, che sono più specificatamente indice di accumuli adiposi.

  • ANALISI BIOIMPEDENZOMETRICA

 

L’analisi bioimpedenzometrica è un’analisi strumentale che permette di avere informazioni circa l’idratazione corporea e la distribuzione dei liquidi all’interno die diversi distretti corporei, intra ed extracellulari. Questo perché non tutti i tessuti sono ugualmente idratati (quello adiposo non lo è affatto a differenza di quello magro e muscolare che invece lo sono).

Quando i liquidi si trovano invece al di fuori dei tessuti ci troviamo di fronte ad uno stato infiammatorio che a seconda del paziente potrà voler dire diverse cose, da una ritenzione idrica, ad un sovrallenamento, o ad un’infiammazione tissutale specifica.

 

Scrivi una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

FacebookInstagram